Porte interne, i dettagli che fanno la differenza...

Se avete sostituito o avete intenzione di sostituire le porte interne del vostro appartamento allora questo post potrebbe incusirvi ed esservi utile.
A casa abbiamo sostituito di recente le porte interne, quelle classiche in mogano col vetro che fanno tanto anni '70. Abbiamo optato per delle porte "moderne" con telaio in legno listellare di abete, cerniere invisibili e serratura magnetica. La finitura è in larice ghiaccio che associa i colori del marrone, grigio, beige a delle leggere sfumature di azzurro. 
Osservando le porte a anta battente vi accorgerete che sono praticamente tutte fissate con delle viti che agganciano il telaio al falso telaio ancorato a sua volta al muro. Sui due lati verticali del telaio ci sono tre viti: una in alto, l'altra in basso e una al centro. Alcuni produttori di porte mettono a disposizione dei tappini che vanno a coprire la testa della vite. Sarà stata la finitura particolare o chissà cosa ma con le mie porte non erano disponibili questi tappini. Mi sono ritrovato quindi delle porte bellissime con delle viti a vista di acciaio bruttissime come nel dettaglio in foto: nello specifico è ripresa la vite in basso del montante di sinistra, lato serratura.



Ho preso quindi uno dei tanti pezzi tagliati per adattare a regola d'arte le porta al muro:



Ho scaldato la superficie con un phon: l'ideale sarebbe stata la pistola termica ma non ce l'ho e quindi ho ripiegato sull'asciugacapelli che funzione bene ugualmente, basta avere solamente un po' di pazienza in più. Dopo aver scaldato la superficie di uno dei pezzi, ho iniziato a staccare il rivestimento tirandolo delicatamente. Da questo rivestimento ho ricavato dei quadratini di dimensioni 1x1 cm:



Ho quindi provveduto ad incollare i quadratini sulle teste delle viti: ho utilizzato una colla pastosa che fa effetto ventosa e tiene sin da subito il pezzettino quadrato appiccicato al montante, evitando che possa staccarsi. Ho anche provveduto a selezionare i quadratini cercando di adattare le venature variabili a quelle dei vari montanti.
Il risultato è questo:



L'operazione è stata quindi ripetuta per tutti i fori delle varie porte. 
Questo piccolo intervento ha aumentato notevolmente il senso di appagamento e soddisfazione nell'aver scelto queste porte. Spero che questa mini guida possa esservi utile.

Dragona incorporata nell’impugnatura dell’arco

Dopo lo studio iniziale riguardante la possibilità di utilizzare tecniche di AM e scansione 3D per la realizzazione di una impugnatura p...