Copritermosifone: come svecchiarlo e renderlo funzionale

Please click here for the english version of this article.

Io e la mia ragazza avevamo l'esigenza di svecchiare il copritermosifone presente in soggiorno, troppo vecchio nelle forme e nei colori che non si addiceva di certo all'ambiente moderno della sala:



Ho quindi provveduto a realizzare un modello parametrico che mi consentisse di giocare con le forme sfruttando la decomposizione degli spazi di Voronoi. Una bozza del nuovo copritermosifone così come ridisegnato è riportato qui di seguito:


Come è possibile vedere le forme sono irregolari ed è difficile arrivare ad un risultato impeccabile utilizzando un semplice trapano e un seghetto per fare i fori sul nuovo pannello. Ho pensato quindi ad una comoda alternativa, estremamente precisa: tagliare il pannello al laser. L'unica difficoltà era data dalle dimensioni pari a 88.8x75 cm.  Ho fatto un giro di chiamate (grazie Luca di SpazioGeco per la segnalazione) e con sommo stupore ho potuto scoprire una realtà meravigliosa: l'associazione ComPVter. A pochi passi da Pavia, ricopre una superficie di 500 m2. A far la parte del Cicerone mi si è presentato Beppe, persona estremamente competente e alla mano che mi ha fatto vedere le diverse attrezzatura e i diversi spazi di cui dispongono: un simulatore di formula 1, uno di rally, diversi droni, laboratori per la stampa 3D e taglio laser e un museo espositivo sbalorditivo per qualità e completezza. La macchina al taglio laser di cui dispongono può lavorare superfici ampie fino a 100 x 86 cm. Era proprio quello che cercavo: in poco meno di 15 minuti il taglio è stato effettuato senza problemi. 

Per creare una sorta di contrasto (e non solo...) ho realizzato un secondo pannello che ho verniciato di nero opaco con dei fori ampi, per permettere il passaggio dell'aria calda:


I due pannelli sono stati sovrapposti e distanziati di 1 cm:


Ho quindi installato il pannello sulla vecchia struttura del copritermosifone e smaltato tutto di bianco. Ecco il risultato:




Fin qui nulla di eccezionale. Mi sono posto quindi una domanda: è possibile rendere funzionale un copritermo? E se sì, come? La risposta mi è venuta guardando proprio uno stendibiancheria che la mia ragazza aveva posto proprio vicino ad un termosifone: solitamente usiamo l'asciugatrice ma per i maglioni preferiamo asciugarli alla vecchia maniera. Data questa esigenza, ho pensato:" perché non integrare uno stendibiancheria nel copritermo? Dal pensiero alla ideazione il passo è stato breve:
E la realizzazione ancora più breve: 10 metri equivalenti per stendere il bucato:



Vi ricordo che tale opera è rilasciata mediante licenza Creative Commons (CC BY-NC-SA 3.0 IT) che ne limita la riproduzione e l'utilizzo. Per maggiori dettagli si prega di fare riferimento al link in fondo all'articolo. Intanto un breve video che racconta con immagini quanto fatto:



Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.




Dragona incorporata nell’impugnatura dell’arco

Dopo lo studio iniziale riguardante la possibilità di utilizzare tecniche di AM e scansione 3D per la realizzazione di una impugnatura p...